H H O

HHO Ossidrogeno sintropico by LBD     L’oggetto di questo brevetto è un insieme di componenti elettro meccanici atti a trasformare l’acqua sia pura, che additivata di sali minerali quali ad esempio l’idrato di potassio, nei suoi componenti molecolari idrogeno ed ossigeno. Questo sistema è stato brevettato dopo il grande Nikola Tesla da decine di persone, tentando di copiarsi e modificando piccole varianti, ove pochissimi raggiunsero un livello accettabile.  La differenza sostanziale di questo brevetto, è data dal sistema di elaborazione dei successivi stadi di trattamento atomico-molecolare dell’acqua tramite impulsi idrodinamici, sonori, elettrici e laser , ognuno dei quali permette a tale sistema che si intende brevettare, di mantenere la cella “fredda” e di alimentarla con un basso amperaggio.   Gli atomi di idrogeno dei quali è composta l’acqua, sottoposti ad un fenomeno elettrolitico,  tendono a caricarsi col segno positivo, mentre gli atomi di ossigeno tendono a caricarsi col segno negativo perdendo il loro normale stato di equilibrio. Immergendo in un contenitore condensatori generati da tubi concentrici o da lamine in sequenza separate da isolanti, pulsandoli con corrente continua con una determinata lunghezza d’onda correlata e proporzionale in logica funzionale agli spazi fra le lamine in acciaio inox, generano polarità attratte dal segno opposto, entrando in risonanza, catalizzando in tal modo una dissociazione dalle altre molecole dell’acqua. La molecola d’acqua è formata dal legame covalente di due atomi di idrogeno con un atomo di ossigeno. Per completare la sua conformazione esterna l’ossigeno ha bisogno di due elettroni, che ottiene dalla condivisione di un elettrone con ciascuno dei due atomi di idrogeno. Questi si legano all’atomo di ossigeno per formare una struttura triangolare e questa forma è importante perché è la base per molte delle soluzioni e composti che supportano la vita. Questi legami covalenti sono legami polari, in quanto gli elettroni condivisi sono attratti più fortemente (o meglio stanno più tempo con ) dai nuclei di ossigeno che non con i nuclei di idrogeno. Questo crea una piccola carica negativa nell’area delle molecole d’acqua vicino ai nuclei di ossigeno e una piccola carica positiva vicino ai due nuclei di idrogeno. I clusters si formano perché la carica positiva degli atomi di idrogeno di una molecola d’acqua è attratta dalla carica negativa dell’ossigeno di un’altra molecola d’acqua. E’ ben risaputo che questi legami di idrogeno giocano ruoli importanti in molti componenti biologici e sono essenziali per il mantenimento della forma di grosse molecole come le proteine e gli acidi nucleici. La forma di una molecola è tanto importante quanto la sua composizione. La tecnologia dei cluster sta aprendo un intero nuovo scenario nella scienza dei materiali. Il ferro per esempio assorbe idrogeno 1000 volte più velocemente in cluster da 10 atomi di quanto faccia nei cluster da 17 atomi. Le forme di legami elettronici influenzate dalla forma dei cluster, modificano il comportamento o le proprietà di solidi liquidi e anche gas. Quando gli elettroni sono condivisi dall’intero cluster in uno schema delocalizzato, le cariche negative sono distribuite uniformemente e il cluster può prendere certi aspetti del metallo solido come per esempio la conduttività. Quando gli elettroni sono legati in modo fisso agli atomi, i cluster assomigliano a molecole discrete. La scoperta che piccoli cambiamenti nella dimensione dei cluster può produrre grandi differenze nel comportamento, rafforza la teoria che i clusters rappresentino una fase distinta della materia.

La molecola di acqua è costituita da atomi (ossigeno ed idrogeno) che possiedono una diversa simpatia (elettronegatività) per gli elettroni: l’atomo di ossigeno attrae con forza gli elettroni, acquisendo una frazione di carica negativa; i due atomi di idrogeno, meno elettronegativi dell’ossigeno, mantengono una frazione di carica positiva. La molecola d’acqua, a causa di tali frazioni di carica elettrica e della sua geometria, risulta dunque una molecola polarizzata. HHO SB Quando una molecola polarizzata viene immersa in un campo elettrico essa si orienta esponendo il suo terminale negativo verso il polo “+” , HHO SE mentre il terminale positivo punta verso il polo “-“. Se il campo elettrico viene ripetutamente invertito, la molecola d’acqua è costretta a riposizionarsi a ogni inversione del campo. HHO SA Alla frequenza di 2450 MHZ la molecola d’acqua inverte la sua posizione 2450 milioni di volte in un secondo, senza un attimo di pausa; a una frequenza superiore la rotazione della molecola verrebbe interrotta prima di aver completato l’arco di 180°; per frequenze inferiori, la molecola d’acqua avrebbe la possibilità di riposare tra una rotazione e l’altra. Alla frequenza di 2450 MHz dunque tutta l’energia radiante del forno viene trasferita alle molecole d’acqua e per questo motivo tale frequenza è detta frequenza di risonanza. Negli alimenti vi sono altre molecole polarizzate che vengono messe in movimento (e perciò riscaldate) dalle microonde, ma, avendo una frequenza di risonanza diversa da quella dell’acqua, il loro riscaldamento verrà conseguito con una resa inferiore al 100%.

La prima fase di trattamento della cella riguarda l’irraggiamento sonoro ultrasonico con frequenze da ……. a ……, 42 ottave sopra il tono C (C=256 Hz) La seconda fase agisce su onde elettriche pulsate a treni d’onda La terza fase mantiene intervalli pulsati di luce laser, che aggiunge spin ai vortici catalizzando ulteriormente l’acqua della cella alla produzione di ossidrogeno in maggiore quantità. Le fasi di trattamento dell’acqua al fine di generare ossidrogeno, hanno seguito la logica scientifica relativa alla “realtà delle stringhe”, che da una particolare e più avanzata idea del comportamento della materia-energia , valutandola nelle sue condizioni più estreme, fonte ottimale di risorse energetiche di grande portata. Un vacuum contenuto in una gabbia di Faraday, portato alla temperatura di meno 273 gradi (lo zero assoluto), alla quale tutta la materia dovrebbe smettere di vibrare e di produrre calore, ha dato prova che, al posto di trovarvi  assenza di energia, si verifica un tremendo aumento della stessa, per giunta da una fonte non-elettromagnetica ! Applicando le logiche dei cluster geometrici tramite frequenze risonanti, riusciamo a far comportare l’acqua della cella HHO nella maniera desiderata. Da questa logica il motivo di trattare con varie fasi la cella stessa. Tale logica non è stata applicata alle anteriorità delle celle HHO. La scienza delle stringhe realizza nella geometria la caratteristica assai fondamentale della vibrazione: in essa vi è la materia e la vita. Pitagora considerava “La Geometria  musica congelata” .Vi sono miriadi di  ottave di densità eteriche nell’Universo, ed ognuna di loro possiede logiche di colore, suono e geometrie variabili a seconda della frequenza generata dagli insiemi dimensionali. La materia si comporta come un spugna immersa nell’acqua che vibra, con l’energia fluida che vi fluisce continuamente dentro e fuori con un moto pulsante. Quando si ammassa la materia insieme in una singola struttura, la forma di quella struttura determinerà come fluiranno le “correnti” eteriche attraverso di essa. Ogni oggetto cilindrico o conico imbriglia e focalizza campi torsionali. Ci sono sempre campi torsionali che emergono dalla Terra in spirali, e la forma del cono può direzionare e focalizzare questi campi. La forma della nostra cella per HHO segue tali principi fondamentali, realizzando la cella HHO risonante in una cella che segue le armoniche di Fibonacci e le forme geometriche del contenitore ne sono una logica conseguenza. Tutta la realtà fisica è, in definitiva, nient’altro che energia conscia in vibrazione, ogni densità ha quindi l’illusione di esistere solo ad un livello in questo sistema energetico. Infatti, tutte le densità sono interpenetrabili, le vibrazioni di densità superiori esercitano pressioni misurabili nello spazio e nel tempo  Tutto ciò forma le basi della Griglia Globale. Le logiche adottate per le risonanze pulsate nella cella HHO. La materia può essere penetrata e modificata da vibrazioni, a particolari frequenze, in quanto essa stessa è vibrazione. Piccole unità di vibrazioni con le loro frequenze determinano la diversità della materia (stringhe).  La frequenza di vibrazione è condizionata dall’omnidimensionalità. Le stringhe sono “ lo spazio ed il tempo”, in quanto senza la loro tessitura non esisterebbero. La materia è una manifestazione transitoria olografica dell’energia, che è “vita”. Utilizzo l’impulso a bassa frequenza come un raggio ad ¼ della lunghezza d’onda causa un’onda d’urto elettromagnetica più intensa che eccitano gli atomi dell’acqua, creando un’onda d’urto secondaria, che collassando implode incrementando l’energia oltre ad abbassare la temperatura con la sua tipica logica della sintropia. I vortici sferico toroidali che compongono la materia e l’energia di legame che li tiene uniti a formare le molecole hanno tutti una frequenza di risonanza tipica. Se ci agganciamo a questa frequenza li possiamo destabilizzare facendo loro emettere più energia di quella che assorbono dal campo scalare (i vortici implodono ed abbiamo quindi la trasformazione della materia in etere) e possiamo anche spezzare i legami molecolari trasformando l’energia di legame sotto forma di etere in plasma, fenomeno che accade nelle celle elettrolitiche HHO pulsate a frequenza di risonanza e nella sono luminescenza. Grazie al coinvolgimento del collasso di etere è plausibile l’applicazione “del bulbo” negli apparecchi HHO come la nostra cella, pulsate alla frequenza di risonanza dell’acqua. Basterebbe usare la frequenza di risonanza dell’acqua e non sarebbe necessario un circuito radiante molto potente. L’implosione ottenuta per tale via “elettrodinamica di precipitazione dell’etere”, è generata soprattutto in funzione delle appropriate frequenze applicate.  Tali frequenze di risonanza permettono all’etere di interagire anche in funzione di shock  termici che trasformano in ogni collasso, sia energie del liquido, che energie dell’etere esterno. Tali energie risultanti, decadono in frequenze di onde infrarosse.  Ogni KWh/h si trasforma in tal modo in 10 kWh/h. Il gas nelle bolle che implodono raggiungono temperature enormi, valutabili a seconda dell’energia immessa, da 25.000 gradi Celsius a 15.000.000 di gradi, in circa 100 Pico secondi. L’oscillazione è ad una frequenza di 20 K Hz., la luce ultravioletta flash scaturisce dal collasso delle bolle con una reazione implosiva shock luminescente pulsante ogni 400 Pico secondi. Tale collasso produce onde con velocità 4 volte superiori al muro del suono. Aumentando le potenze in gioco si possono raggiungere temperature atte alla fusione dell’idrogeno misurando le temperature direttamente dalle velocità degli elettroni (aumentano con la temperatura).Sono normali velocità di circa 6 Km al secondo con flash UV da 50 Pico secondi. Ipotizzando che ogni bolla imploda in 1/100.000 del suo volume (dimensione) originale, l’energia e gli atomi nella bolla sono concentrati in un piccolissimo punto. Utilizzando ultrasuoni pulsati a frequenze determinate si ottiene un  fenomeno che genera un flash che avviene in quanto milioni di atomi rilasciano simultaneamente questa energia concentrata emettendo fotoni di luce blu. Quindi, possiamo vedere che se stessimo producendo energia superiore di trilioni di volte rispetto a quella che esiste nelle onde sonore in questo esperimento, allora una enorme quantità di energia arriva dal “nulla”. Questa viene vista tipicamente come reazione di fusione. Concentrando onde sonore in un modo razionale, possiamo aprire un “cancello” per il “fluido” eterico ad alta pressione che fluirà nella nostra realtà fisica, formando luce, calore ed energia. Utilizzare per il fenomeno che una volta veniva considerato quale semplici “elettrolisi” la forma della sfera è molto importante in quanto tale forma aiuta a concentrare le vibrazioni risonanti. Il perfezionamento del gas implosivo gli studi devono realizzare reazioni sulle possibili miscele degli isotopi di idrogeno e di ossigeno: 3 isotopi di idrogeno (1H1, 1H2, 1H3) e 6 isotopi di ossigeno (8O14, 8O15, 8O16, 8O17, 8O18, 8O19), che fa un totale di 36 tipi di acqua. 1 kWh di elettricità produce 340 litri di gas; 1 litro di acqua si dilata fino a 1860 litri di gas; ugualmente si applica molto bene l’inverso. Durante la combustione, in gas implode, e questo dà 1859 unità di vuoto con un’unità di acqua per un costo minimo di circa 0,71 €. Per ottenere l’implosione necessita una scintilla ad alta frequenza di 9000 volt o più. Esso d’altronde implode solo per accensione elettrica, e siccome non c’è esplosione, non vi è nessuna dispersione di calore. In più, bisogna notare che l’implosione è creatrice, mentre l’esplosione è distruttrice. Questo è il principio creatore dell’universo. Nella natura, il vortice dove si manifesta il movimento centripeto, lo stesso dell’implosione, è propizio alla vita. Il vortice è d’altronde una sorgente di energia appena intuita. A livello del magnetismo terrestre, il movimento centrifugo si fa all’equatore, e il movimento centripeto verso i poli. Il vortice magnetico che si crea favorisce in una certa misura la formazione del ghiaccio, essendo il movimento centripeto del vortice refrigerante, cosa che un esperimento molto semplice può dimostrare.   Applicazioni di gas sintropico HHO Il perfezionamento del gas implosivo gli studi devono realizzare reazioni sulle possibili miscele degli isotopi di idrogeno e di ossigeno: 3 isotopi di idrogeno (1H1, 1H2, 1H3) e 6 isotopi di ossigeno (8O14, 8O15, 8O16, 8O17, 8O18, 8O19), che fa un totale di 36 tipi di acqua. 1 kWh di elettricità produce 340 litri di gas; 1 litro di acqua si dilata fino a 1860 litri di gas; ugualmente si applica molto bene l’inverso. Durante la combustione, in gas implode, e questo dà 1859 unità di vuoto con un’unità di acqua per un costo minimo di circa 0,71 €. Per ottenere l’implosione necessita una scintilla ad alta frequenza di 9000 volt o più. Esso d’altronde implode solo per accensione elettrica, e siccome non c’è esplosione, non vi è nessuna dispersione di calore. In più, bisogna notare che l’implosione è creatrice, mentre l’esplosione è distruttrice. Questo è il principio creatore dell’universo. Nella natura, il vortice dove si manifesta il movimento centripeto, lo stesso dell’implosione, è propizio alla vita. Il vortice è d’altronde una sorgente di energia appena intuita. A livello del magnetismo terrestre, il movimento centrifugo si fa all’equatore, e il movimento centripeto verso i poli. Il vortice magnetico che si crea favorisce in una certa misura la formazione del ghiaccio, essendo il movimento centripeto del vortice refrigerante, cosa che un esperimento molto semplice può dimostrare Applicazioni di gas sintropico HHO – I trasporti terrestri, marittimi e aerei (come carburante) – La brasatura e la saldatura – Il taglio col cannello – La lucidatura a fiamma – La fabbricazione del vetro – In gioielleria (per fabbricare le pietre preziose) – Il riscaldamento e la cucina (come gas infiammabile) – L’anticorrosione (il gas agisce come inibitore) – L’estrazione di minerali – Il trattamento dei semiconduttori e dei circuiti stampati – Il trattamento dei rifiuti (incenerimento senza inquinamento) – Il disinquinamento chimico o radioattivo – Il dissalamento dell’acqua del mare a costi molto bassi – Il miglioramento della germinazione dei grani – La crescita delle piante coltivate e l’aumento delle qualità nutritive delle derrate per irrigazione con l’acqua trattata con tale  il gas. – La cura della pelle o contro i reumatismi per reidratazione esterna proiettando il gas (Life Mirror) – La costruzione di edifici dove esso permette di saldare dei materiali molto differenti come il mattone, il ferro, l’alluminio, il vetro, etc., come pure il loro trattamento per ottenere delle superfici lisce, impermeabili e di facile manutenzione – Etc. Questo tipo di gas permette d’altronde tutti i tipi di saldature, quelle che richiedono le temperature più alte, come quelle che richiedono le temperature più basse, poiché il gas si adatta alle temperature di fusione di ciascun materiale. Aumenta il rendimento dei metalli preziosi nei processi di raffinamento e altera i livelli degli isotopi radioattivi. Durante alcuni esperimenti la radioattività di un pezzo di Americanum 241 è stata ridotta del 96% (da 16.000 curie a sole 100), quella del Cobalto 60 del 70%……. questa tecnologia è a mio avviso il mezzo più idoneo alla eliminazione dei rifiuti nucleari. Gianmaria Barbotto

Turbina a condensatori rotanti alimentata con sistema ldb ad HHO in sintropia

 

Questa speciale turbina basata su sistemi di condensatori di energie radianti polarizzate al fine di generare effetti simili ad altre turbine, ma con costi e guadagni energetici altissimi, atti ad utilizzare sistemi in sintropia ad HHO quale alimentazione per il moto rotatorio generato. Tale moto, che raggiunge rapidamente i 20.000 giri a minuto, con specifici accorgimenti elaborati nei nostri lab, ottimizza tali rotazioni su cuscinetti maglev atti anche ad effetti di turbine turbojet. La tecnologia di tale turbina aumenta moltissimo l’autonomia di aerei turbogetto civili rendendoli sicuri, in quanto al posto del jp1 kerosene, utilizza H2Oquale combustibile, evitando oltremodo l’inquinamento dell’atmosfera ed aumentandone la potenza generata.